il testo completo della commissione europea del 27 maggio

Maggio 27, 2020

Link al documento orinale del 27 maggio della Commissione

communication-europe-moment-repair-prepare-next-generation

 

Ho ritenuto utile al di la delle consuete e frammentarie letture che pure si possono fare in sintesi sulla stampa italiana esplodere tutto intiero il documento che oggi si è discusso in commissione e che sarà presentato  al Consiglio ed  all’Assemblea per la sua completa approvazione. Sappiamo che non sarà una passeggiata perchè i quattro paesi che resistono alla assegnazione dei fondi a titolo di contributo non facilmente aderiranno alla ipotesi finale. Mi sia però consentito un giudizio generale. Tutto ciò che si legge è ciò che da tempo avremmo voluto sentir dichiarare e fare dalla Europa che abbiamo contribuito a far nascere e sviluppare. Una attenta esegesi del testo consente di estrapolare un chiaro programma di cosa avremmo già dovuto fare da anni in materia di E-health, di E-gov, in materia di E-Learning  e che le resistenze interne di ceto, di classe e di posizione hanno nei fatti affossato.

L’emergenza ha fatto uscire tutto allo scoperto ed ora si corre per riparare.

Forse una buona programmazione ci avrebbe aiutato a risparmiare in parte tante tragedie umane ,morti e disastri , ma i tempi che ci saremmo dati non sarebbero stati in linea con quelli dello sviluppo della intera società e con quelli dati dalle singole volontà sociali e di categoria. Ho in questi ultimi tempi raccolto una quantità enorme di report di società di consulenze , McKinsey, Boston Consulting , tutti prodotti con l’intento di aiutare e suggerire e proporre. Posso e devo dire che ho ritrovato nel testo europeo una sintesi felice e concreta di quanto ho letto. Questa è l’Europa che va saputa raccontare ai cittadini , che va spiegata bene per far capire che la scelta della appartenenza e della solidarietà era ed è vincente. In Italia purtroppo non c’è per effetto di una comunicazione non corretta e adeguata  una consapevolezza non rispondente agli interessi della nostra comunità.

Per tradurre concretamente tutte le idee, i progetti, occorrerà contare su una classe dirigente della società e della politica alla altezza.

Purtroppo quella sin qui incontrata non lo è stata perchè ha avuto il timore di affondare e di portare avanti iniziative anche contro il racconto popolare del “non si può fare e non serve”. che non asseconda la innovazione. Occorrerà anche svelare tante verità nascoste al paese che non può pensare di vivere al di sopra dei suoi mezzi e delle risorse e che con un riordino giusto ed equilibrato deve pure imporre sacrifici a qualcuno:  è un qualcuno che si incontra sempre e dappertutto. Si ha l’impressione che hanno tutti ragione e che debba prevalere la logica del quiete non movere.  Mi scuso per le inutili parole e  suggerisco di leggere con attenzione il testo che dovrebbe diventare, ce lo auguriamo, il planning strategico ed operativo dei prossimi anni.

COMMISSIONE EUROPEA

Bruxelles, 27.5.2020

COM(2020) 456 finale

COMUNICAZIONE DALLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO EUROPEO,   AL  CONSIGLIO,  ALL’IMPEGNO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI  

 Il momento dell’Europa: riparare e prepararsi per la prossima generazione

 SWD(2020) 98 finale

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il momento dell’Europa: riparare e prepararsi per la prossima generazione

  1. I NTRODUCTION

 Il virus corona ha scosso l’Europa e il mondo fino in fondo, testando i nostri sistemi sanitari e assistenziali, le nostre società ed economie e il nostro modo di vivere e lavorare insieme. Le persone hanno perso i loro cari e il loro lavoro, mentre i piani e il futuro sono stati gettati nell’incertezza. L’Europa si è trovata di fronte a una sfida per la salute pubblica che è diventata rapidamente la crisi economica più drastica della sua storia. E vediamo già il marchio indelebile il virus lascerà sulle nostre relazioni, la nostra politica e geopolitics. Tuttavia, nelle avversità così spesso arriva opportunità. È giunto il momento per la nostra Unione europea di rimettersi in piedi e andare avanti insieme per riparare i danni della crisi e preparare un futuro migliore per la prossima  generazione..

È nostro comune sostenere i più colpiti, rafforzare il nostro mercato unico e investire nelle nostre priorità europee comuni. Nella nostra Unione, un euro investito in un paese è un euro investito per tutti. Una ripresa collettiva e coesa che accelera le transizioni tra i due verdi e digitati non farà che rafforzare la competitività, la resilienza e la posizione dell’Europa come attore globale. Ecco perché  la solidarietà, la coesione e la convergenza devono guidare la ripresa dell’Europa. Nessuna persona, nessuna regione, nessuno Stato membro dovrebbe essere lasciato indietro.

Dall’inizio della pandemia, l’UE e i suoi Stati membri hanno adottato misure senza precedenti per proteggere vite e mezzi di sussistenza. L’UE ha sostenuto gli sforzi nazionali per affrontare la crisi sanitaria e attenuare l’impatto del successo economico.  Ha  liberato tutti gli euro disponibili nel suo bilancio per combattere il virus. Ha utilizzato la massima flessibilità nelle norme di bilancio e di aiuto di Stato e ha proposto di creare SURE, un nuovo strumento per aiutare le persone a rimanere al  lavoro.

 

Questo faceva parte di un pacchetto di prima risposta che può fornire immediatamente più di mezzo trilione di euro per sostenere i lavoratori, le piccole imprese e le economie degli Stati membri. Oltre alle misure adottate dalla Banca centrale europea, la risposta dell’UE finora fornisce agli Stati membri una potenza di fuoco senza precedenti per aiutare coloro che ne hanno più bisogno. Queste erano le misure giuste adottate al momento giusto, ma sappiamo che questo non sarà quasi sufficiente per dare il via alle nostre  economie.

Per far ripartire l’economia, la fiducia deve tornare. La gente ha bisogno di fidarsi dei places in cui lavora, comprare e socializzare. Hanno bisogno di avere certezza e tranquillità quando si tratta di loro mezzi di sussistenza e del loro futuro. Qualsiasi ripresa dipenderà dalla capacità di sollevare gradualmente e in modo sostenibile le misure di contenimento, dalla nostra capacità di vivere al lato del virus e dall’avere una chiara comprensione della situazione in tutta Europa.

Questa crisi è diversa da qualsiasi altra che abbiamo affrontato prima. È dirompente ed evoluzione in natura. E molti dei suoi effetti e divisioni continueranno a giocare in modi non espatriati ed o imprevisti. Ciò che già sappiamo è che le azioni necessarie da parte dell’UE e dei suoi Stati membri per prevenire centinaia di migliaia di morti hanno avuto un costo. Tutta l’Europa è stata colpita e l’arresto economico significa posti di lavoro, income aziende sane sono stati messi a rischio in modi che non si vedevano nelle crisi precedenti.

Mentre il virus è lo stesso in tutti gli Stati membri, l’impatto e il potenziale di recupero sembrano molto diversi. I paesi e le regioni con economie dipendenti dai servizi di tipo clienti, dalle esportazioni o da un elevato numero di piccole imprese, saranno molto colpiti più difficile di altri. E mentre ogni Stato membro ha sostenuto il più possibile i propri lavoratori e le proprie imprese, non tutti possono farlo nella stessa misura. Ciò crea il rischio di una ripresa squilibrata, di un terreno di gioco disomogeneo e di un aumento delle disparità. E dimostra la necessità e il valore di una risposta europea.

Le scelte che facciamo oggi definiranno il futuro di domani per la prossima generazione. I massicci investimenti necessari per rilanciare le nostre economie devono alleviare l’onere sulle loro spalle, non renderlo più pesante. Ecco perché il piano di ripresa dell’UE deve guidare e costruire un’Europa più sostenibile, resiliente e più equa per la prossima generazione.

Le nostre sfide generazionali – le transizioni ecologiche e digitali – sono ancora più importanti ora che prima dell’inizio della crisi. Attraverso il recupero, andremo  avanti velocemente sulle transizioni bieta verde e digitale. Rafforzeremo la nostra autonomia strategica preservando i benefici di un’economia aperta. Sosterremo i nostri partner in tutto il mondo e condurremo unaforma rinnovata erinnovata di multilateralismo di cui il mondo ha bisogno.

IL PIANO NEXT GENERATION EU

Per essere all’altezza della straordinaria sfida e preparare un futuro migliore, la Commissione propone oggi un nuovo strumento di recupero, chiamato Next Generation EU, nell’ambito di un bilancio UErinnovato a lungo termine. In totale, questo piano europeo di ripresa metterà 1.85 trilioni di dollari1 per contribuire a far rilanciare la nostra economia e garantire che l’Europa rimbalzi  in avanti.

La ripresa sarà probabilmente lunga, ma le esigenze sono immediate. Un rapido accordo su queste proposte sarà un potente Stato dell’unità europea, della solidarietà e del senso comune di direzione. La ripresa dell’Europa sarà uno sforzo di squadra, da tutti noi, come individui, alle parti sociali, alla società civile, alle imprese, alle regioni, ai paesi e alle istituzioni.  Questo è il momento dell’Europa ed è time coglierlo  insieme..

 

  1. TE ANATOMY DELLA CRISI ECONOMICA

 Per capire cosa l’Europa deve fare per recuperare, dobbiamo prima avere un quadro chiaro di ciò che stiamo affrontando. Le previsioni o le conclusioni definitive in questa fase della crisi sono inevitabilmente piene di incertezza. Tuttavia, è già chiaro che le prospettive ecologi che sono piene di rischi e che la recessione in Europa potrebbe essere profonda, dannosa e prolungata se non interveniamo ora in modo decisivo.

Le restrizioni imposte per contenere la diffusione del virus hanno rallentato la vita economica – in alcuni casi quasi a untandstillo. Le catene di approvvigionamento e le linee di produzione sono state interrotte e il commercio di beni e servizi è stato interrotto. La spesa delle famiglie e gli investimenti privati sono crollati ai minimi storici. L’economia europea e la maggior parte dei suoi ecosistemi industriali hanno una frazione della loro capacità.

Insieme, si prevede che questi fattori porteranno a una forte contrazione dell’economia dell’UE. Le cifre sono rigide e l’entità dei danni è senza precedenti. Le stime indicano che il prodotto interno lordo (PIL) dell’UE è diminuito di circa il 15% nel secondo trimestre del 2020 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Nel complesso, si prevede che l’economia dell’UE

 

 

 

1 Se non diversamente specificato, gli importi sono espressi in prezzi costanti per il      2018.  superiore al 7% nel 2020. Tuttavia, uno scenario peggiore di una seconda ondata e di misure di blocco estese potrebbe portare ovunque a un calo del 16% del PIL quest’anno.

Mentre si prevede che l’economia tornerà a crescere nel 2021, la ripresa iniziale sarà parziale  e l’impatto avvertito acutamente dalle persone e dalle imprese. Molte persone rischiano di vedere il loro reddito diminuire e il loro lavoro messo a rischio. La disoccupazione è destinata a salire al 9% nell’UE, colpendo i giovani e coloro che lavorano a bassa competenza e temporanei e vivono in famiglie povere in modo sproporzionato. È probabile che la povertà e le disuguaglianze aumentino, sottolineando l’importanza di una ripresa sociale e inclusiva. La liquidità e l’accesso ai finanziamenti saranno una sfida continua per le imprese, e in particolare perle piccole disuguaglianze diautobus. Il rischio di insolvenza dovrà essere attenuato per evitare peggiori effetti a catena.

L’impatto economico della crisi differirà notevolmente tra le diverse parti dell’economia. Le aziende che forniscono servizi rivolti ai clienti o si affidano a luoghi di lavoro affollati e aree dei clienti sono le più colpite. Le prime stime della Commissione mostrano che il turismo,l’economia sociale e gli ecosistemi creativi e culturali potrebbero vedere un calo del fatturato di oltre il 70% nel secondo trimestre del 2020. Anche il settore tessile, dei trasporti, dell’industria ad alta intensità energetica e del settore delle energie rinnovabili sarà duramente colpito. Gli ecosistemi con un’elevata fiducia dei consumatori, come la produzione, la vendita al dettaglio o la salute, rischiano di rimbalzare più rapidamente, mentre altri potrebbero subire un colpo economico ritardato.

L’impatto e il potenziale di ripresa dipendono anche dalla struttura demografica o economica di ciascun paese, con in posizione che quelli con un elevato numero di piccole e medie imprese (PMI) hanno colpito più duramente. Dipende  anche dalla loro capacità e capacità di assorbire e rispondere allo shock, in particolare con l’aiuto degli aiuti di Stato. Ciò ha un notevole impatto sul  mercato unico e aumenta le divergenze e le disparità tra gli Stati membri. Ciò si riflette nel fatto che la recessione sarà vicina al 10% per alcuni paesi, rispetto a una media tra il 6-7,5%  altrove.

Questo quadro, presentato in maggiore svalutazione nella valutazione delle esigenze di accompagnamento 2, dimostra la necessità di massicci investimenti e finanziamenti. Mettere una cifra definitiva sulle esigenze di investimento in questa fase della crisi non è una scienza esatta. Tuttavia, la valutazione delle esigenze stima che nel 2021 e nel 2022 saranno necessari almeno 1,5 trilioni di euro di ulteriori investimenti pubblici e privati per portare l’Europa sulla strada di una ripresa sostenibile.

 

  1. INVESTIRE NELLA PROSSIMA GENERAZIONE

 La valutazione delle esigenze dimostra la necessità di massicci investimenti su vasta scala e velocità, con notevoli investimenti pubblici e privati a livello nazionale. Se lasciata ai soli singoli paesi, la ripresa sarebbe probabilmente incompleta, disomogenea e ingiusta. Si tratta di un rischio molto reale in altre parti del mondo. Ma nella nostra Unione, dove le persone, le persone e le economie dipendono l’una dall’altra, l’Europa si trova in una posizione unica per poter investire in una ripresa sostenibile e in un futuro. Questo investimento sarà un  bene comune per il nostro futuro condiviso e mostrerà il vero e tangibile valore di far parte dell’Unione.

 

SWD(2020) 98

Progettato per la coesione, la convergenza e la solidarietà, il bilancio dell’UE è uno strumento pronto. È provato, trasparente e affidabile da tutti. Si è fatto investire in programmi e priorità comunemente concordati e, come segue, coloro che hanno bisogno di più sostegno ottengono gli investimenti di cui hanno bisogno per recuperare il ritardo.

Per questo motivo la Commissione propone oggi un nuovo strumento di recupero da 750 miliardi di euro, l’UE di nuova generazione, integrato in un bilancio UE a lungo termine potente e moderno. Si tratta di una proposta storica e una tantum che riflette la portata e l’entità della sfida che ci troviamo ad affrontare. La ripartizione completa di come funzionerà è stabilita nella comunicazione di accompagnamento 3, così come i testigiuridici adottati oggi. Le caratteristiche principali sono le seguenti:

 

Aumentare il denaro

I fondi per l’UE di nuova generazione saranno raccolti sollevando temporaneamente il tetto delle risorse proprie al 2% del reddito nazionale lordo dell’UE. Ciò consentirà alla Commissione di utilizzare il suo fortissimo rating del credito per prendere in prestito 750 miliardi di euro sui mercati finanziari per Next Generation  EU.

 

I fondi raccolti dovranno essere rimborsati attraverso i futuri bilanci dell’UE, non prima del 2028 e non dopo il 2058. Per contribuire a farlo in modo equo e condiviso, la Commissione proporrà una serie di nuove risorse proprie. Questi potrebbero includere una nuova resource basata sul sistema di scambio di quote di emissione, un meccanismo di regolazione dei confini dicarbonio e una risorsa propria basata sul funzionamento delle grandi aziende. Potrebbe anche includere una nuova tassa digitale, basata sul lavoro svolto dall’Organizzazione per il cooperazione economico(OCSE). La Commissione sostiene attivamente le discussioni dell’OCSE e del G20 ed è pronta ad agire in caso di mancato raggiungimento di un accordo globale. Queste si aggiungeranno alle proposte della Commissione in materia di risorse proprie basate su una tassa sul valore aggiunto e sulla plastica non riciclata.

 

Oltre all’UE di nuova generazione, la Commissione propone un bilancio UE rinnovato, pari a circa 1 miliardo di euro tra il 2021 e il 2027..

 

Investire i soldi

 

Tutto il denaro raccolto attraverso l’UE di nuova generazione e il nuovo bilancio dell’UE saranno incanalati attraverso i programmi dell’UE. Ciò significa che ogni euro di investimenti sarà messo a disposizione per rimettere in piedi l’Europa, per accelerare le transizioni ecologiche e digitali gemelle e costruire una società più equa e resiliente. Ciò significa anche che vi è piena trasparenza e responsabilità democratica per il Parlamento europeo e il Consiglio. I fondi dell’UE di Next Generation saranno investiti su tre pilastri, attraverso 500 miliardi di euro in sovvenzioni e 250 miliardi di euro in prestiti agli Stati membri.  States.

 

Il primo pilastro è il sostegno agli Stati membri per gli investimenti e le riforme per affrontare la crisi:

 

 

3 COM (2020) 442

Un nuovo strumento di recupero e resilienza con un budget di 560 miliardi di euro, distribuito in sovvenzioni e prestiti. Ciò sosterrà gli Stati membri nell’attuazione di investimenti e riforme essenziali per una ripresa sostenibile. Gli Stati membri progetteranno i propri piani nazionali di ripresa nazionali, sulla base delle priorità di investimento e di riforma individuate nell’ambito del semestre europeo, in linea con i piani nazionali per il clima e l’energia, i piani di transizione giusti e gli accordi di partenariato e i programmi operativi nell’ambito dei fondi dell’UE.

 

  • Una nuova iniziativa, REACT-EU, costituisce un bilancio di 55 miliardi di euro per un bilancio di 55 miliardi di euro. Questo sarà disponibile a partire dal 2020 e sarà distribuito in base a una nuova chiave di allocazione tenendo conto dell’impatto della crisi. Ciò garantirà che non vi sia alcuna errazione nei finanziamenti per le principali misure di riparazione delle crisi e il sostegno ai più svantaggiati. Sosterrà i lavoratori e le PMI, i sistemi sanitari e le transizioni ecologiche e digitali e sarà disponibile in tutti i settori, dal turismo alla

 

  • Per sostenere la via verde, la Commissione propone di fornire ulteriori finanziamenti per il Fondo di transizione giusta e il Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale. I programmi di politica di coesione saranno inoltre rafforzati nel prossimo periodo di bilancio dell’UE, anche per consentire reater una maggiore flessibilità.

 

Il secondo pilastro riguarda il riavvio dell’economia dell’UE incentivando gli investimenti privati..

 

  • Un nuovo strumento di sostegno alla solvenza mobiliterà le risorse private per fornire un sostegno urgente alle aziende altrimenti sane. Gli investimenti saranno incanalati verso le imprese dei settori, delle regioni e dei paesi più colpiti. Ciò contribuirà a migliorare il livello del campo di gioco per gli Stati membri, con gli aiuti può  essere operativo a partire dal 2020 e avrà un budget di 31 miliardi di euro, con l’obiettivo di sbloccare più di 300 miliardi di euro di sostegno alla solvibilità. Saranno sviluppati orientamenti per contribuire ad allineare gli investimenti alle priorità dell’UE.

 

  • La Commissione propone di potenziare InvestEU,il programma di investimenti di punta dell’UE, più che raddoppiando la sua capacità.

 

  • In aggiunta a quanto sopra, verrà creato uno strumento di investimento strategico all’interno di InvestEU. Sarà in grado di sbloccare 150 miliardi di euro diinvestimenti grazie ai 15 miliardi di euro in cui sono stati inflitti 15 miliardi di euro da Next Generation EU. Ciò investirà nel rafforzamento della nostra resilienza e autonomia strategica tra le tecnologie chiave e le catene del

 

Il terzo pilastro riguarda l’apprendimento delle lezioni della crisi:

 

  • La Commissione propone di creare un nuovo programma autonomo EU4Health,con un bilancio di 9,4 miliardi di euro. Investirà nella prevenzione, nella preparazione alle crisi, nell’approvvigionamento di medicinali e attrezzature vitali, nonché nel miglioramento dei risultati sanitari a lungo termine. Un certo numero di altri programmi chiave saranno rafforzati per trarre insegnamenti dalla crisi, in particolare rescEU e Horizon Europe.

 

  • Per sostenere meglio i nostri partner globali,saranno rafforzati sia lo strumento di cooperazione internazionale, sia lo strumento per la cooperazione internazionale, sia lo strumento di cooperazione

 

Oltre a tre pilastri della spesa attraverso lo strumento di recupero, la Commissione propone anche di rafforzare un certo numero di altri programmi nel bilancio dell’UE, rispetto a quanto discusso dal Consiglio europeo in febbraio. Questi includono la politica agricola comune, il Fondo marittimo europeo e la pesca, il programma del mercato unico e i programmi che sostengono la cooperazione su tasse e dogane, lo strumento Connecting Europe, Erasmus, il programma Europa creativa, il programma Europa digitale, il Fondo europeo di difesa, il Fondo per la sicurezza interna, il Fondo per l’asilo e la migrazione, il Fondo integrato di gestione delle frontiere e l’assistenza pre adesione.

 

  1. RIPARAZIONE PREPARE LA NEXT GENERATION: I FONDAMENTALI POLITICI

 

Questa crisi dirompente e mutevole è prima di tutto una tragedia umana. Al di là dei continui sforzi per affrontare la dimensione sanitaria, l’UE deve dare priorità alla dimensione sociale di tale situazione, in particolare mediante l’attuazione del pilastro europeo dei diritti sociali. Dobbiamo investire nella protezione e nella creazione di posti di lavoro e nella creazione della nostra sostenibilità competitiva costruendo un’Europa più equa, più verde e più digitale. Dobbiamo riparare i danni a breve termine dalla crisi in un modo che investa anche nel nostro futuro a lungo termine. A tal fine, l’UE deve ora mostrare chiarezza di intenti e certezza di orientamento attraverso le sue politiche.

 

4.1.    L’accordo verde europeo: la  strategia di crescita dell’UE

 

L’European Green Deal è la strategia di crescita dell’Europa. Per garantirne il pieno potenziale, è essenziale che Next Generation EU guidi la nostra sostenibilità competitiva. Gli investimenti pubblici nella ripresa dovrebbero rispettare il giuramento verde di “non nuocere”.Le priorità individuate nei piani del semestre europeo, dell’energia nazionale e dei cambiamenti climatici (NECP) e piani di just transition dovrebbero guidare questo investimento. Le linee guida di investimento per il nuovo strumento di sostegno alla solvenza  rifletteranno anche la necessità di effettuare investimenti verdi. Ciò sarà sostenuto dal 25% del bilancio dell’UE destinato agli investimenti per il clima e da ulteriori finanziamenti per Horizon Europe, riflettendo il ruolo cruciale della ricerca e dell’innovazione nel guidare il passaggio a un’economia pulita, circolare,coopetitiva e neutra dal punto di vista climatico.

 

Per contribuire a sbloccare l’investimento privato necessario, sono essenziali la certezza e la prevedibilità a lungo termine. Ciò sottolinea l’importanza della legge sul clima e le prossime proposte di obiettivi più ambiziosi di riduzione delle emissioni per il 2030. La tassonomia  sostenibile dell’UE guiderà gli investimenti nella ripresa dell’Europa per garantire che siano in linea con le nostre ambizioni a lungo termine. Questo sarà sostenuto con una  rinnovata strategia finanziaria sostenibile  entro la fine dell’anno. Per garantire che gli interessi ambientali e sociali siano pienamenteintegrati nelle strategieaziendali, la Commissione presenterà una nuova iniziativa nel 2021 sulla governance aziendale sostenibile..

 

Questo investimento dovrebbe aiutare l’accordo verde europeoa diventare un motore per la creazione di posti dilavoro. Soddisfare le attuali crisi climatiche ed energetiche del 2030può aggiungere l’1% del PIL e creare quasi 1 milione di nuovi posti di lavoro verdi. Investire in  un’economia più circolare ha il potenziale

 

creare almeno 700.000 nuovi posti di lavoro entro il 2030 e aiutare l’UE a ridurre la sua dipendenza dai fornitori esterni e adalleviare la sua resilienza alle questioni dell’approvvigionamento globale.

 

Oltre a garantire la certezza a lungo termine, la ripresa verde deve anche contribuire a rilanciare l’economia europea in modo rapido e a livello locale. La prossima Renovation Wave si concentrerà sulla creazione di posti di lavoro nel costruireion, ristrutturazione e altre industrie ad alta intensità di lavoro. Attraverso un sostegno normativo e finanziario, come  una finestra di infrastrutture sostenibili di dimensioni doppie in InvestEU,l’obiettivo sarà quello di raddoppiare almeno il tasso annuale di ristrutturazione del patrimonio edilizio esistente. A tal fine, gli Stati membri potranno inoltre utilizzare i fondi dello strumento di recupero e resilienza, in linea con le priorità individuate nell’ambito del semestre europeo o dei NETP. Ciò contribuirà a risparmiare sulle bollette energetiche, a fornire condizionidi vita più sane e a ridurre lapovertà energetica.

 

Nello stesso spirito, la Commissione si concentrerà anche sullo sblocco degli investimenti in tecnologie pulite e catene del valore, in particolare attraverso i finanziamenti aggiuntivi per Horizon Europe. Il nuovo strumento di investimento strategico inseriràle tecnologie chiave per la transizione energetica pulita, come le tecnologie distoccaggio delle energie rinnovabili e dell’energia, l’idrogeno pulito, le batterie, la cattura e lo stoccaggio del carbonio e l’infrastruttura energetica sostenibile. Il lavoro dell’Alleanza europeadelle batterie saràrastrellato velocemente e la nuova Clean Hydrogen Strategy and Alliance  guiderà e coordinerà il rapido upscaling della produzione e dell’uso di idrogeno pulito in Europa. La Commissione presenterà inoltre proposte per aumentare l’assorbimento delle energie rinnovabili offshore e per migliorare l’integrazionedel sistemaenergetico.

 

La crisi ha anche dimostrato il ruolo cruciale che i trasporti svolgono, con percorsi di trasporto e logistici interrotti in tutte le modalità che colpiscono le nostre catene del valore e le nostre economie. Per contribuire a creare più posti di lavoro, ci sarà anche un focus su un periodo di produzionee distribuzione di  veicoli e navi sostenibili,  nonché  di combustibili alternativi. Lo strumento Connecting Europe, InvestEU e altri fondi sosterranno il finanziamento dell’installazione di un milione di punti di ricarica,rinnovi puliti dellaflotta da parte di città e aziende, infrastrutture di trasporto sostenibili e consentiranno il passaggio alla mobilità urbana pulita. Gli investimenti pubblici per rilanciare la ripresa del settore dei trasporti dovrebbero essere impegnati dall’industria a investire in una mobilità più pulita esostenibile.

 

Proteggere e ripristinare la biodiversità e gli ecosistemi naturali è fondamentale per rafforzare la nostra resilienza e prevenire l’emergere e la diffusione di futuri focolai. Ciò raddoppia l’importanza dell’ategy dell’UEper la biodiversità adottata di recente per il2030  e della prossima strategia forestale dell’UE. Nell’ambito di InvestEU, una nuova iniziativa di capitale naturale e di economia circolare mobiliterà almeno 10 miliardi di euro nei prossimi 10 anni.

 

La politica agricola comune e la strategia Farm to Fork sosterranno i nostri agricoltori e il settore agricolo a prosperare  e continueranno a fornirci il cibo conveniente, nutriente, sicuro e sostenibile di cui abbiamo bisogno, rafforzando le nostre catene di approvvigionamento e affrontando le questioni esposte durante la crisi. Dato ilruolo vita l degli agricoltori e dellezone rurali nella transizione verde, la Commissione propone oggi di rafforzare il bilancio per il Fondo agricolo europeo per lo sviluppo rurale  by

15 miliardi di dollari.

 

Molte persone, regioni e settori più colpiti dalla crisi dovranno anche apportare un cambiamento più importante della maggior parte. Per questo motivo la Commissione propone oggi di rafforzare la

 

Fondo di transizione con ulteriori 32,5 miliardi di euro. Questo funding sarà utilizzato per alleviare gli impatti socioeconomici della transizione, sostenendo il riqualificazione, aiutando le PMI a creare nuove opportunità economiche e investendo nella transizione verso l’energia pulita. La Commissione sta inoltre proposte per istituire il nuovostrumento di prestito del settorepulic che costituisce il terzo pilastro del meccanismo di transizione giusta. Ciò sarà sostenuto da 1,5 miliardi di euro dal bilancio dell’UE e da 10 miliardi di euro in prestiti da parte della Banca europea per gli investimenti.

 

4.2 Un mercato unico più profondo e digitale

 

La pandemia e le sue conseguenze sulle nostre vite e sulle nostre economie hanno evidenziato l’importanza della digitalizzazione in tutti i settori dell’economia e della società dell’UE. Le nuove tecnologie hanno mantenuto in funzione le nostre attività ei nostri servizi pubblici e hanno fatto sì che il commercio potessefluire. Ci hanno aiutato tutti a rimanere connessi, a lavorare da remoto e a sostenere l’apprendimento dei nostri figli.

 

A lungo termine, ciò potrebbe innescare cambiamenti permanenti e strutturali nella vita sociale ed economica: più telelavoro, e-learning, e-commerce, e-government. Ciò evidenzia il potenziale di sviluppare un e-ID universalmente accettato –  l’identità elettronica pubblica – per consentire un accesso semplice, affidabile e sicuro ai servizi pubblici digitali transfrontalieri.

 

Quattro elementi saranno fondamentali per un recuperodigitale, contribuendo a stimolare l’innovazione competitiva e a fornire agli utenti una scelta più ampia.

 

In primo luogo, avremo bisogno di invest in connettività più e migliore. Il rapido dispiegamento del 5G avrà effetti di ricaduta sull’intera società digitale e aumenterà l’autonomia strategica dell’Europa. Ciò sosterrà gli sforzi più ampi per costruire un’infrastruttura in gradodi gestire processi e applicazioni emergenti e future. Fornirà inoltre la larghezza di banda necessaria per la salute, l’istruzione, i trasporti, la logistica e i media che sono essenziali per la nostra resilienza, competitività e ripresa economica.

 

In secondo luogo, avremo bisogno di una maggiore presenza industriale e tecnologica nelle parti strategiche della catena di approvvigionamento digitale. Proprio come è diventato chiaro quanto siano importanti la connettività e le tecnologie digitali, ci viene anche ricordato l’importanza della sicurezza della tecnologia. Questo problema di ricambio,lanecessità per l’Europa di avere la sovranità tecnologica dove conta, oltre a mantenere il commercio aperto e il flusso dell’innovazione.

 

In questo spirito, gli investimenti di recupero saranno incanalati verso capacità e capacità digitali strategiche,tra cuiintelligenza informatica,sicurezzainformatica, comunicazione protetta, dati e infrastruttura cloud, reti 5G e 6G, supercomputer, quantistici e blockchain. Questa sarà una priorità nello strumento di recupero e resilienza, nell’InvestEU e nella strategia di investimento. Le linee guida di investimento per il nuovo strumento di sostegno alla solvenza rifletteranno anche la necessità di dare priorità agli investimenti digitali. Ciò contribuirà anche a colmare il divario digitale dell’Europa, che è diventato ancora più evidente durante la crisi.

 

In terzo luogo,costruiamo  un’economia reale dei dati come motore per l’innovazione e la creazione di posti di lavoro. I dati offrono alle aziende l’opportunità di sviluppare prodotti e servizi. Per sfruttarlo al meglio, abbiamo bisogno di spazi di dati europei comuni in settori e settori chiave,anche nel supportdell’industria europea, nell’attuazione dell’accordo verde europeo, nella sanità, nella mobilità e nella pubblica amministrazione.

 

Per dare vita a tutto questo, la Commissione presenterà un’azione legislativa sulla condivisione dei dati e sulla governance per contribuire a mettere in attostrutture adeguate per gestire la condivisione dei dati tra gli Stati membri e isettori, affrontare gli ostacoli al commercio digitale e rendere l’Europa idonea e in grado di competere nella 21a economia globale. Ciò faciliterà la creazione di spazi dati comuni e rafforzeràla trasparenza su questioni quali laportabilità o l’accesso ai dati. Seguirà una  legge sui dati, chestabilirà le condizioni per un migliore accesso e controllo dei dati industriali. La Commissione proporrà inoltre di rendere disponibili per il bene comune set di dati governativi di alto valore attraverso un accesso più aperto alla ricerca, all’innovazione e alle PMI.

 

Il quarto elemento è la necessità di un ambiente aziendale più equo e più facile,il bloccoesteso potenziato shopping su Internet e modelli di business online. Questa tendenza accelererà solo nei mesi e negli anni a venire, con un maggior numero di aziende che passano al digitale per fare business. Tuttavia, l’ambiente online è attualmente dominato da una serie di grandi piattaforme. La loro posizione e un maggiore accesso alle risorse dati chiave

–è un impatto sulla capacità delle piccole imprese europee di avviare, scalare o sfruttare al meglio il mercato unico.

 

Questi problemi devono essere affrontati se si vuole che l’Europa sto sfruttando al meglio il recupero digitale. In questo spirito, uno degli obiettivi del nuovo Digital  Services Act sarà quello di migliorare il quadro giuridico per i servizi digitali, con regole chiare per le piattaforme online. Offrirà una maggiore sicurezza per i consumatori online, preverrà l’abuso del potere di mercato da parte delle piattaforme e garantirà un mercato equo con paripportunità per le piccole imprese.

 

Dobbiamo anche concentrarci sulla riduzione degli oneri amministrativi e sul rendere più facile per le imprese, in particolare le PMI, utilizzare strumenti digitali, come la firma elettronica. Hanno bisogno di supporto per ottenere un accesso più facile ai dati e ridurre la burocrazia attraversosoluzioni digitali grezze, ad esempio per i contratti. Dovrebbero essere incoraggiati l’uso di negozi di sostegno one-stop e la semplificazione delle procedure amministrative online.

 

Sarà prioritaria la digitalizzazione degli appalti pubblici, anche mediante lo sviluppo di sistemi nazionali di e-procurement e dimoduli.   Ciò sarà sostenuto dalla piena attuazione del pacchetto di diritto societario per facilitare la digitalizzazione e la mobilità delle imprese e del gateway digitale unico.

 

Durante le ultime settimane, abbiamo anche assistito a un aumento esordiaria degliattacchi dannosi da più fonti, cercando di capitalizzare la perturbazione causata dalla pandemia per motivi criminali o geopolitici. Migliorare le capacità digitali delle forze dell’ordine conserverà la loro capacitàdi promuoverei cittadini in modo efficace. La digitalizzazione dei sistemi giudiziari può migliorare l’accesso alla giustizia e al funzionamento del contesto imprenditoriale.

 

Una nuova strategia per la cibersicurezza esaminerà come rafforzare la cooperazione, le conoscenze e la capacità a livello dell’UE. Aiuterà inoltre l’Europa a rafforzare le sue capacità industriali e i suoi partenariati e a incoraggiare l’emergere di PMI nel settore. Ciò accompagnerà la revisione della direttiva sull’efficaciadei sistemi di rete e di informazione e la proposta di misure supplementari sulla protezione delle infrastrutture critiche. Insieme al lavoro in corso sulla cibersicurezza nell’ambito dell’Unione della sicurezza dell’UE, ciò aumenterà le capacità all’interno degli Stati membri e rafforzerà la cibersicurezza complessiva dell’UE.

 

4.3. Un recupero equo e inclusivo

 

Questa crisi è una tragedia umana. L’Europa deve fare tutto il necessario per garantire che quella che è iniziata come una pandemia sanitaria – ed è diventata un’emergenza economica – non diventi una crisi sociale completamente inpiena. Milioni di persone in tutta l’UE hanno perso il loro posto di lavoro o hanno programmi di lavoro a breve termine e milioni dialtri potrebbero essere a rischio a causa dell’alto livello di incertezza.

 

Sostenere le persone a rimanere al lavoroe creare nuovi posti dilavoro, guiderà i nostri sforzi. A breve termine, il nuovo strumento temporaneo per mitigarei rischi di disoccupazione in caso diemergenza (SURE) fornirà 100 miliardi di euro per aiutare i lavoratori a mantenere il loro reddito e garantire che le imprese possano rimanere a galla e trattenere il personale. La Commissione si baserà su questo, nonché sulle esperienze di nuovistudi sul lavoro a breve terminein molti Stati membri, quando proporrà uno strumento permanente in futuro.

 

Il nuovo strumento di supporto Solvency  contribuirà a mantenere le aziende in attività e le persone al lavoro. Il nuovo fondo di garanzia paneuropeo della Banca europea per gli investimenti potrà sostenere le PMI che impiegano circa i due terzi della forza lavoro dell’UE. Le regioni più colpite dalla crisi potranno accedere a un sostegno rapido e flessibile nell’ambito della nuova iniziativa REACT-EU. Nel medio-lungo termine, gli sforzi per ripristinare unmercato unico pienamente funtio, così come gliinvestimenti effettuati attraverso l’UE di nuova generazione, creeranno nuovi posti di lavoro in tutta l’economia, in particolare nelle transizioni verdi e digitali.

 

Tutto ciò riflette la necessità che la ripresa sia equa e inclusiva. Deve affrontare le disparità e le disuguaglianze esposte o esacerbate nella crisi e promuovere la coesione territoriale. Il punto di partenza è la solidarietà: tra persone, generazioni, regioni e paesi. Ciò dovrà essere fatto in stretta collaborazione con le parti sociali, la società civile e altre parti interessate. La nostra bussola per raggiungere questo obiettivo rimarrà il  pilastro europeo dei dirittisociali.

 

L’UE garantirà che la parità sia al centro della ripresa. Un’Europa prospera e sociale dipende da tutti noi, indipendentemente dal  sesso, dall’origine razziale o etnica, dalla religione o dal credo, dalla disabilità, dall’età o dall’orientamento sessuale. Ciò è doppiamente importante in una crisi che ha avuto un impatto sproporzionato su un certo numero di gruppi della  società.

 

Garantire che tutti i lavoratori dell’UE guadagnino unliving decente sarà essenziale per la ripresa. Se fissati a livelli adeguati,  i salari minimi aiutano i lavoratori vulnerabili a costruire un cuscinetto finanziario durante i periodi buoni e a limitare il calo del reddito durante i periodi difficili. Dato che le donne sono sovrarappresentate e sottopagate in molti posti di lavoro in prima linea, la necessità di colmare il divario retributivo di genere, anche attraverso misure vincolanti di trasparenza salariale,diventa ancora più  importante.

 

Il rafforzamento del sostegno all’occupazione giovanile  aiuterà i giovani a entrare nel mondo del lavoro, della formazione o dell’istruzione, mentre una forte economia  socpuò offrire opportunità uniche per aiutare i più vulnerabili a tornare sul mercato del lavoro.

 

Il virus è stato anche particolarmente doloroso per gli anziani, che sono colpiti più duramente dal virus e sono i più appartati nelle loro case. Il prossimo lavoro della Commissione sull’invecchiamento e sulle persone con disabilità terrà conto dell’esperienza edelle lezioni della crisi. All’altro capo della scala, dobbiamo anche mitigare la crisi

 

impatto sui bambini. La Commissione proporrà la Garanzia europea per l’infanzia nel 2021 per garantire che tutti i bambini abbiano accesso ai servizidi base per la salute el’istruzione.

 

Tutti beneficeranno della ripresa dell’Europa e tutti dovranno contribuire a realizzarla. Per garantire che la solidarietà e l’equità siano al centro della ripresa, la Commissione intensificherà la lotta contro le frodi fiscali  ele suepratiche sleali. Ciò aiuterà gli Stati membri a generare le entrate fiscali necessarie per rispondere alle grandi sfide dell’attuale crisi. Una  base imponibile consolidata comune per le società  fornirebbe alle imprese un unico regolamento per calcolarela base di t ax aziendalenell’UE. La semplificazione fiscale può migliorare il contesto imprenditoriale e contribuire alla crescita economica.

 

La crisi è un test per i nostri sistemi di protezione sociale e gli investimenti necessari devono colmare le lacune di copertura che si sono manifestate incrisi, ad esempio per i lavoratori autonomi..  Ciò valeva in particolare per  i lavoratori della piattaforma che in molti casi non rientrano nell’ambito della legislazione UE in materia di lavoro e che pertanto devono essere dotati di condizioni di lavoro eque e di adeguate condizioni di lavoro.ection.

 

Mentre l’Europa intraprende la sua strada verso la ripresa verso un’economia e una società più verdi, digitali e resilienti, la necessità di migliorare e adattare competenze, conoscenze e competenze diventa ancora più importante. La crisi ha anche dimostrato l’importanza delle competenze digitali, per i bambini, gli studenti, gli insegnanti, i formatori e tutti noi per comunicare e lavorare. La Commissione presenterà  un’agenda sulle competenze per l’Europa e un piano d’azione aggiornato per l’istruzione digitale.  

 

Il blocco della società si è rivelato anche un periodo di paura e sofferenza per le vittime di violenza domestica e abusi, con prove di un aumento sostanziale dei casi. L’UE farà tutto il possibile per prevenire e combattere la violenza di genere, sostenere e proteggere le vittime di tali crimini e ritenere responsabili i responsabili dei loro comportamenti abusivi. La strategia per i diritti delle vittime  presterà particolare attenzione alle esigenze specifiche delle vittime della violenza di genere.

 

  1. BUILDING Un’UNIONE PIÙ RESILIENTE E SINGLE MARKET

 

La pandemia è servita a riaffermare l’interdipendenza delle nostre economie  e l’importanza di un mercato unico pienamente funzionante. Gli Stati membri hanno condiviso i vantaggi del mercato unico per quasi trent’anni e, per alcuni, gli scambi intracomunitari ammontano al70% delle esportazioni. I nostri ecosistemi industriali sono sempre più integrati e connessi. La ricerca, l’ingegneria, la produzione, l’assemblaggio e la manutenzione spesso si svolgono in diverse parti d’Europa e consentono alle impresedi essere più competitive e di concentrarsi sulfatto che fanno meglio. Questo sarà esattamente ciò che è necessario per la ripresa dell’Europa.

 

La crisi ha anche spezzato parti del nostro tessuto produttivo e ha colpito le catene di approvvigionamento cruciali. Questa interruzione della produzione e il calo della domanda in uno Stato membro avranno un impatto significativo in altri Stati membri. Se non affrontata, ciò potrebbe portare a clos e perdite di posti dilavoro e, in ultima analisi, ostacolerà la nostra competitività e la velocità della ripresa in altri Stati membri. Data la portata e la natura di questa sfida, la risposta non può che essere europea.

 

Ciò inizia con la garanzia che il nostro mercato unico funzionidi nuovocorrettamente. Tre delle quattro libertà sono state gravemente colpite dalla pandemia: persone, beni, servizi.

 

A seguito delle questioni iniziali, l’azione decisiva intrapresa per garantire la libera circolazione di beni e prodotti ha aiutato i nostri prodotti alimentaria rimanere aperti e molte delle nostre fabbriche a continuare a lavorare. La libera circolazione delle persone era essenziale per consentire ai trasporti, alla stagionalità e ad altri lavoratori di mantenere le catene di approvvigionamento.

 

Queste azioni hanno contribuito a garantire la continuità aziendale di base, ma la ripresa significherà il ripristino completo di tutte e quattro le libertà. Dobbiamo continuare a ridurre il nostro onere normativo semplificando le nostre norme sul mercato interno e garantendo che siano pienamente applicate e attuate. La nuova task force per l’applicazione del mercato unico sarà essenziale per identificare e affrontare le barriere che si presentano a causa di un’applicazione o di un’applicazione impropria. Garantirà la piena attuazione del piano d’azione per l’applicazione del mercato unico adottato in marzo.

 

Per mantenere le condizioni di parità e mantenere il funzionamento del mercato unico, la Commissionepropone un nuovo strumento, lo strumento di sostegno alla solvenza, per fornire sostegno alle imprese sane che sono ora a rischio a causa della chiusura economica. Dovrebbero essere sostenuti per ottenere un accesso più facile e rapido ai finanziamenti. Ciò evidenzia l’importance del completamento dell’Unione dei mercati dei capitali e dell’Unione bancaria, elementi chiave nell’approfondimento dell’Unione economica e monetaria. Ciò contribuirà a garantire la stabilità economica e finanziaria durante tutta la ripresa e rafforzerà la nostra resilienza ai futuri problemi. La Commissione trarrà inoltre le sue conclusioni sulla revisione della governance economica dopo la  crisi.

 

La crisi ha inoltre testato il quadro di concorrenza dell’UE,che è stato rapidamente adattato per consentire unsostegno nazionale particolarmente indispensabile attraverso loStato. Allo stesso tempo, è importante che queste flessibilità temporanee non causino una frammentazione a lungo termine nel mercato unico. La politica di concorrenza dell’UE è essenziale per garantire parità di vita nell’economia odierna, promuovere l’innovazione e offriremaggiore scelta. Porta il meglio dalle nostre aziende e consente loro di rimanere competitivi a livello globale. Mentre l’Europa traccia il suo percorso di ripresa e accelera le duplici transizioni, dobbiamo garantire che le regole della concorrenza rimangano adeguate al mondo di oggi. A talriguardo, la Commissione sta attualmente rivedendo il quadro comunitario in materia di concorrenza.

 

La crisi ha anche rivelato una serie di vulnerabilità e un significativo aumento di alcuni crimini, come la criminalità informatica. Ciò dimostra la necessità di rafforzare la securite l’Unione dell’UE . In tale ambito, la strategia dell’UNIONE europea per la sicurezza affronterà queste sfide e si baserà sul lavoro per un mercato interno e una società sicuri.

 

La crisi ha inoltre messo a dura prova i sistemi di asilo degli Stati membri e la gestione delle frontiere nell’Unione europea. Il nuovo Patto per la migrazione e l’asilo cercherà di rendere la gestione dell’UE in materia di asilo, migrazione e frontiere più efficace, più equa e sufficientemente flessibile per rispondere alle crisi.

 

  • Autonomia strategica aperta e forti catene del valore

 

La crisi ha inoltre rivelato una serie di settori in cui l’Europa deve essere più resiliente per prevenire, proteggere e resistere agli shock futuri. Ci impegneremo sempre per un commercio aperto ed equo, ma dobbiamo essere consapevoli della necessità di ridurre la dipendenza e rafforzare la sicurezza dell’approvvigionamento, in particolare per cose come ingredienti farmaceutici o materie prime.

 

A tale scopo, l’Europa deve concentrarsi sul rafforzamento della sua autonomia strategica, della sicurezza economica e del potenziale di creazione di posti di lavoro. La Commissione propone un nuovo strumento strategico per gli investimenti a sostegno degli investimenti transfrontalieri al centro di sostegno al rafforzamento e alla costruzione di catene strategiche europee del valore. Essa incentiveràla leadership industriale e commerciale europea in un certo numero diecosistemi, in particolare quelli legati alla doppia transizione verde e digitale. Ciò rafforzerà il mercato unico, sosterrà la nuova strategia industriale dell’UE4  e contribuirà a un’economia più circolare.

 

Una nuova strategia farmaceutica  affronterà i rischi espostidurante la crisi che incidono sull’autonomia strategica dell’Europa e sosterrà anche la costruzione di ulteriori capacità di produzione e produzione farmaceutica in Europa.

 

Con la transizione verso la neutralità climatica, la dipendenza dai dati fossili disponibili rischia diessere sostituita con la dipendenza da altre materie prime non energetiche, per le quali la concorrenza globale sta diventando sempre più intensa. La prevenzione dei rifiuti, il potenziamento del riciclaggio e l’aumento dell’uso di materie prime secondarie contribuiranno a ridurre questa dipendenza. Nuovi investments nel riciclaggio contribuirà a fornire materie prime secondarie strategiche. Un nuovo  piano d’azione sulle materie prime critiche esaminerà anche come rafforzare i mercati cruciali in modo sostenibile per la mobilità elettronica, le batterie, le energie rinnovabili,i cal farmacomotori, l’aerospaziale, ladifesa e le applicazioni digitali. Ciò sarà sostenuto dalla piena attuazione del piano d’azione per l’economia circolare..

 

Il commercio mondiale e le sue catene del valore integrate rimarranno un motore di crescita fondamentale e saranno essenziali per laripresa dell’Europa. In quest’ottica, l’Europa perseguirà un modello di  aperta autonomia strategica. Ciò significherà plasmare il nuovo sistema di governance economica globale e sviluppare relazioni bilaterali reciprocamente vantaggiose, proteggendoci al contempo da pratiche sleali e ingiuste. Questo ci aiuterà anche a diversificare e consolidare le catene di approvvigionamento globali per proteggerci dalle crisi future e contribuirà a rafforzare il ruolo internazionale dell’euro. In questo spirito, l’UE intraprenderà una revisione della politica commerciale per garantire il contenziosoflusso di beni e servizi in tutto il mondo e per riformare l’Organizzazione mondiale del commercio.

Allo stesso tempo, l’UE deve anche proteggere i suoi beni strategici, le infrastrutture e le tecnologie dagli investimenti diretti esteri che potrebbero minacciare la sua sicurezza o l’ordine pubblico, attraverso un meccanismo rafforzato di screening degli investimenti direttiesteri. In questa crisi, le sovvenzioni statali da parte di paesi terzi hanno il potenziale di annullare l’onda del campo di gioco nel mercato unico. Ciò sarà affrontato nel Libro bianco upcoming della Commissione su uno strumento sulle sovvenzioni estere. Un rapido accordo sul proposto strumento di approvvigionamento internazionale sarà inoltre essenziale per rafforzare la capacità dell’UE di negoziare la reciprocità e l’apertura del mercato con i suoi partner.

 

Persistono le differenze nei livelli diambizione climatica in tutto il mondo, la Commissione proporrà un meccanismo di adeguamento delle frontiere del carbonio  nel 2021 per ridurre il rischio di perdite di carbonio, in piena compatibilità con le norme dell’OMC. Si tratterebbe di una nuova risorsa propria peril bilanciodell’UE, contribuendo a rimborsare in futuro i fondi raccolti per l’UE di nuova generazione.

 

 

4A COM(2020) 102

 

  • Maggiore coordinamento in materia di salute pubblica e gestione rafforzata delle crisi

 

La crisi della sanità pubblica che la nostra Unione si trova attualmente ad affrontare ha dimostrato la forza, l’abilità e il coraggio degli operatori sanitari europei. Tuttavia, i nostri sistemi sanitari pubblici, che rimangono tra i migliori e più accessibili in tutto il mondo, sono stati sottoposti aun esitazione. E il coordinamento tra gli Stati membri sulle questioni sanitarie è stato messo alla prova anche nell’immediato inizio della crisi.

 

In quest’ottica, e al fine di migliorare la preparazione congiunta per le future crisi sanitarie, la Commissione proporrà di rafforzare l’Agenzia per i medicinali dell’European nel monitoraggio della produzione e della fornitura di medicinali essenziali nell’UE per evitare carenze. Darà inoltre un  ruolo più forte al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC)  nel coordinamento della sorveglianza, della preparazione e della risposta alle crisi sanitarie.

 

Dovrebbe inoltre essere rafforzato il quadro normativo dell’UE in materia di sanità e aumentare l’uso di appalti congiunti per l’approvvigionamento sanitario. Ciò apprenderebbe gli insegnamenti dalla crisi, a partire dall’approvvigionamento immediato di vaccini abreve termine. Proporremo inoltre di creare uno spazio europeo per i dati sanitari per promuovere lo scambio di dati sanitari e sostenere la ricerca nel pieno rispetto della protezione dei dati.

 

I sistemi sanitari più resilienti hanno bisogno di un adeguato investimento e di un sostegno finanziario che corrisponda al loro ruolo di leader. La Commissione propone oggi un programma autonomo EU4Health  per sostenere gli Stati membri e l’UE per rafforzare la capacità e la preparazione alle future crisi sanitarie. Contribuirà a fornire una visione a lungo termine per sistemi sanitari pubblici ben performanti e resilienti, in particolare investendo nella prevenzione e nella sorveglianza delle malattie e migliorando l’accesso all’assistenza sanitaria, alla diagnosi e al trattamento.

 

La ricerca e l’innovazione  saranno essenziali per accrescere la nostra conoscenza delle malattie, dei trattamenti e dei vaccini e rafforzare la nostra autonomia e la nostra leadership nelle catene del valore. Per questo motivo, nell’ambito del prossimo bilancio a lungo termine, la Commissione propone di rafforzare Orizzonte Europe  per sostenere la ricerca e l’innovazione nel settore sanitario, estendere le sperimentazioni cliniche, migliorare l’accesso alle infrastrutture di ricerca e contribuire all’ancoraggio della scienza al centro del processo politico.

 

L’attuale crisi ha inoltre sottolineato la necessità di un coordinamento e di una risposta alle crisi a livello europeo. Sebbene il coordinamento tra gli Stati membri sia ripreso rapidamente dopo un avvio lento, è necessario apprendere gli insegnamenti della crisi. Ciò significa rafforzare la preparazione alle crisi e la gestione delle crisi per gli scenari futuri.

 

La Commissione propone oggi di rafforzare la rescEU  per costruire la capacità permanente di gestire tutti i tipi di emergenza. Ciò rafforzerà la sua capacità di investire nelleinfrastrutture di risposta alle emergenze, nella capacità di trasporto e nei team di supporto alleemergenze. Creerà una riserva a livello dell’UE di forniture e attrezzature essenziali da mobilitare in risposta alle grandi emergenze.

 

Un’altra lezione è la necessità di una risposta rapida, flessibile e costantedell’UE alle crisi. In questo spirito, la Commissione propone di rafforzare i propri strumenti di emergenza e di renderli più flessibili in modo che le risorse possano essere impiegate rapidamente e su vasta scala quando necessario. Ciò include il Fondo europeodi solidarietà e il Fondo di adeguamento alla globalizzazione di European.

 

La Riserva di solidarietà e aiuti all’emergenza  sarà inoltre notevolmente rafforzata per consentire una risposta rapida alle crisi sia all’interno che all’esterno dell’UE.

 

  1. UNA RECOVERY BASED ON EU VALUES And FUNDAMENTAL  RIGHTS

 

La crisi sta mettendo alla prova lo stile di vita dell’Europa. Per contribuire a salvare vite umane, alcune delle nostre libertà sono state limitate. Gli elementi essenziali che fanno funzionare la nostra società sono stati spesso messi in attesa. La nostra resilienza democratica è stata messa alla prova. Tuttavia, l’Europa non deve maipromettere sui suoi valori. La ripresa deve basarsi sui diritti fondamentali e sul pieno rispetto dello Stato didiritto.

 

Di fronte alla crisi, tutti gli Stati membri hanno dovuto adottare misure di emergenza. La Commissione ha chiarito fin dall’inizio che le misure di emergenza devono essere strettamente proporzionate e limitate nel tempo e nella natura. Tutte queste misure devono essere oggetto di un controllo regolare e di tutti i diritti rispettati integralmente.

 

La crisi ha anche messo in luce una serie di vulnerabilità nello Stato di diritto. Ciò va dallo stress sui sistemi giudiziari alla capacità disomogenea dei controlli e degli equilibri istituzionali per funzionare in modo efficace. I media e la società civile hanno incontrato nuovi ostacoli nel svolgereil loro ruolo nel dibattito democratico. La relazione annuale sullo stato di diritto della Commissione esaminerà la questione in tutti gli Stati membri. Anche la proposta della Commissione di un regolamento sulla protezione del bilancio dell’UE contro le carenze generalizzate deldiritto sarà una caratteristica fondamentale.

 

La crisi ha anche evidenziato le minacce alla nostra democrazia. Ha portato con esso una nuova “infodemica” da coloro che vogliono manipolare lo spazio pubblico e diffondere messaggi falsi, propaganda e narrazioni di odio. Pur sostenendol’espressione e sostenendo i media, la Commissione affronterà le sfide di disinformazione più immediate legate alla pandemia e utilizzerà anche il piano d’azione per la democrazia europea per trarre gli insegnamenti e rafforzare la resilienza per il  futuro.

 

Tutto ciò riflette la necessità ancora più importante di rafforzare e alimentare la nostra democrazia. Questo inizia con dare alle persone una maggiore voce in capitolo nel loro futuro. Attraverso la  Conferenza sul futuro dell’Europa,i cittadini dovrebbero svolgere un ruolo di primo pianoe attivo nella definizione delle nostre priorità e del nostro livello di ambizione nella costruzione di un’Europa più resiliente, sostenibile ed equa.

 

  1. UN STRONGER EUROPE NEL  MONDO

 

La pandemia e la crisi economica ridefiniranno il modo in cui le potenze e i partner globali interagiscono. La minaccia di una potenziale erosione e frammentazione dell’ordine globale è notevolmente aumentata. Allo stesso tempo, un virus che non conosce confini crea una sfida condivisa e fa un motivo forte e urgente per rafforzare il multilateralismo e l’ordine delle regole internazionali. Più che mai,  le sfide globali richiedono una cooperazione internazionale e  soluzionicomuni.

I legami tra noi hanno bisogno di una continuaeradicata per adattarsi alle nuove realtà e per affrontare gli sviluppi dirompenti del XXI  secolo. Il mondo deve evitare un “grande gioco” globale per uscire in primo piano e in cima, a scapito degli altri. Dovrebbe concentrarsi su ciò che può fare

 

insieme, dalla sicurezza al clima e all’ambiente, dalla lotta alle disuguaglianze fino al rafforzamento del commercio internazionale e delle istituzioni internazionali.

L’UE sta conducendo la risposta globale, lavorando a stretto contatto con le Nazioni Unite (compresi gli Organisati mondiali della sanità e l’Organizzazione internazionale del lavoro), il G20, il G7, il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale. In tal modo, l’UE e i suoi Stati membri dovranno sfruttare la loro forza collettiva sulla scena mondiale.

 

In questo spirito, la Commissione ha ospitato una conferenza di impegno per raccogliere 7,5 miliardi di euro per lo sviluppo di vaccini, trattamenti e strumenti come bene comune globale. Qualsiasi vaccino futuro deve essere prodotto dal mondo, per il mondo intero ed essere accessibile e accessibileper tutti.

 

A più lungo termine, l’UE si riprenderà con successo solo se anche i nostri partner in tutto il mondo si riprenderanno. Investire in una ripresa globale sostenibile è quindi nell’interesse dell’UE. Ciò richiederà una risposta massiccia e coordinata,lacerata dalla solidarietà internazionale, dall’apertura e dalla leadership. In qualità di principale potenza economica e principale donatore mondiale di aiuti internazionali, l’UE sarà sempre aperta e pronta a sostenere i suoi partner. Ciò è dimostrato dagli oltre 23 miliardi di euro di mobilda parte del Team Europe per sostenere i paesi partner e le organizzazioni internazionali ad affrontare l’impatto umanitario, sanitario, sociale ed economico della crisi.

 

L’UE ha fornito sostegno ai suoi partner e ai suoi vicini durante questa crisi ed è pronta a fare di più. Per contribuire a far capire questo, la Commissione propone oggi di rafforzare lo strumento per il vicinato, lo sviluppo e la cooperazione internazionale fissandolo a un livello di 86 miliardi di euro. Uno strumento di aiuto umanitario rafforzato garantirà che l’Europa  possa fornire una solidarietà tangibile ai più bisognosi. Per sostenere i nostri partner nei Balcani occidentali, la Commissione propone di aumentare l’assistenza preadesione a 12,9 miliardi di euro.

Con la crisi che ha innescato un ulteriore aumento delle tensioni geostrategiche,i cori dell’Ue devono assumersi maggiori responsabilità nel garantire la propria sicurezza. In cooperazione con i suoi partner, l’UE deve rafforzare ulteriormente il suo ruolo di fornitore di sicurezza e di pilastro di stabilità nell’ordine mondiale. A tal fine, continuerà a sostenere il multilateralismo e a promuovere in modo più efficace i suoi interessi economici e strategici. Deve  inoltre rafforzare la sua autonomia tecnologica e la cooperazione nello sviluppo delle capacità di difesa.

 

  1. CONCLUSION – E MOMENTO di    UROPE

 

Questo è il momento dell’Europa. La nostra capacità ad agire deve essere all’altezza delle sfide che stiamo affrontando. Gli sforzi nazionali da soli non saranno sufficienti: l’Europa si trova in una posizione unica per poter investire in una ripresa collettiva e in un futuro migliore per le prossime generazioni.

 

Questo è il nostro compito di generazionedi generazione. Gli investimenti che realizziamo attraverso l’UE di nuova generazione non solo aiuteranno a far ripartire le economie e a sostenere oggi i lavoratori, le imprese e le regioni. Investirà nel futuro e ci renderà più resilienti in modo da emergere più forti e più fortidiprima. Accelereremo la doppia transizione verde e digitale e faremo in modo che le persone siano al centro del recupero.

 

La Commissione europea invita il Consiglio europeo e i co-legislatori ad esaminare rapidamente queste proposte, al fine di raggiungere un accordo politico al Consiglio europeo. Una decisione tempestiva consentirà di rendere immediatamente disponibili i fondi e di aggiungere le zone più urgenti.

 

La Commissione lavorerà quindi a stretto contatto con il Parlamento europeo e il Consiglio per finalizzare un accordo sul futuro quadro a lungo termine e sui relativi programmi settoriali. Completare questo lavoro all’inizio dell’autunno significherebbe che il nuovo bilancio a lungo termine potrebbe essere operativo e guidare la ripresa dell’Europa il 1o gennaio 2021.

 

La ripresa dell’Europa e la costruzione di un futuro migliore per la prossima generazione non sarà facile e non può essere fatta da sola. Ciò avrà bisogno di un coraggio politicoe di un’azione da parte di tutta la società. Questo è un bene comune per il nostro futuro

 

communication-europe-moment-repair-prepare-next-generation

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *